Ricetta americana del banana bread

Banana bread: la ricetta americana del pane alla banana

La banana è una degli ingredienti che troviamo spesso nella cucina americana. Infatti, nonostante le origini controverse, è proprio nel Nuovo Mondo che è nata la Banana Split!

Ma se questo dessert ha conquistato mezzo mondo, arrivando anche sulle tavole di noi italiani, per il Banana Bread non è accaduto lo stesso. Si tratta di una ricetta che, fuori dai confini americani, non è molto conosciuta.

Ma di cosa si tratta, precisamente?

Le origini del Banana Bread: torta o pane tradizionale?

C’è chi lo definisce un dolce alla stregua di una torta e chi, invece, propende più per un’accezione da pane da tavola: cos’è, allora, il Banana Bread?

Partiamo dalle origini. La banana è quel frutto (o, per dirlo tecnicamente, la bacca della pianta del banano) che è stato introdotto nelle coltivazioni americane nel 1516, grazie a portoghesi che l’importavano direttamente dall’Africa. Proprio per questa sua provenienza extra-europea, è difficile risalire all’etimologia della parola, che è entrata a far parte della lingua portoghese proprio in quel periodo e che, per gli europei (dove la banana non era ancora arrivata), nel 1601, era “il frutto che profuma di rosa“.

È proprio dalle banane schiacciate che ha preso vita questa ricetta, ma solo moltissimi secoli dopo: negli anni ’30 compare, per la prima volta, in un libro di cucina americano. Naturalmente, il grande successo è arrivato nel 1950, con l’indimenticabile “Chiquita Banana’s Recipe Book“. D’altro canto, l’approdo delle banane negli USA risale soltanto al 1870 e ci volle parecchio tempo prima che questi frutti diventassero ingredienti per preparazioni e dessert.

Sicuramente, l’arrivo del lievito sul mercato facilitò questo sdoganamento. Alcuni storici del cibo ritengono che il Banana Bread sia un derivato della Grande Depressione, quando le casalinghe si vedevano costrette a riciclare e riutilizzare gli avanzi (soprattutto, ad esempio, banane troppo mature); altri, invece, pensano che tutto sia nato nelle cucine aziendali.

In ogni caso, si tratta di una pietanza che ha conquistato talmente tanti animi da essersi guadagnata un National Banana Bread Day, che cade ogni 23 Febbraio!

La ricetta originale americana del Banana Bread

Esistono diverse varianti che cambiano decisamente l’intenzione a questa preparazione: alcune si rifanno ad una consistenza da muffin, altre ad un vero e proprio pane da tavola.

Quella che vi proponiamo oggi è più simile ad un plumcake, aromatizzato alla cannella e tradizionalmente riscaldato, tagliato a fette ed imburrato, ideale non solo per il breakfast, ma anche per il brunch.

Pane alla Banana: ingredienti e preparazione

La preparazione di questa variante è abbastanza semplice da realizzare. Di seguito, gli ingredienti da utilizzare:

  • 4 Banane mature;
  • 2 Uova;
  • Burro, 120 grammi;
  • Zucchero, 120 grammi;
  • Farina 00, 200 grammi;
  • Cannella in polvere, mezzo cucchiaino;
  • Un pizzico di sale;
  • Lievito in polvere per dolci, 6 grammi;
  • Bicarbonato, 3 grammi;
  • Succo di limone.

Si comincia schiacciando (con una forchetta) la polpa delle banane, bagnando il tutto con qualche goccia di succo di limone che eviti l’antipatico ed antiestetico annerimento.

Da parte, si uniscono il burro e lo zucchero amalgamandoli tra di loro per poi aggiungere anche le uova ed il sale. È importante che, prima di inserire anche le banane schiacciate, si sia già ottenuto un composto omogeneo, in modo che tutto riesca ad amalgamarsi perfettamente.

A questo punto si può procedere setacciando la farina, il lievito per dolci e il bicarbonato direttamente nel composto finale, continuando a mescolare ed insaporendo, se volete, con un po’ di cannella in polvere.

Prima di arrivare alla cottura, la pirofila (o lo stampo da plumcake) va imburrata per bene, in modo che l’impasto non si attacchi. Dopo aver versato all’interno il composto, è fondamentale ricordare che il lievito lavorerà sui volumi, per cui i 2/3 del contenitore devono restare vuoto!

Si inforna per un’ora a 180°C e, a prova di stecchino superata, si lascia raffreddare, avendo cura di servire sempre fette soffici e calde, magari aiutandosi con un fornetto o un tostapane capiente!

Per i più piccoli, si possono lasciare a disposizione anche gocce di cioccolato o ciuffetti di panna montata da utilizzare come guarnizioni.

Pronti a portare l’America in tavola?

3 pensieri su “Banana bread: la ricetta americana del pane alla banana

  1. Lara dice:

    In effetti è veramente buono. E’ probabile che prossimamente riproporrò questa ricetta come video, nel canale youtube di AmericanFoodShop.it!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *