Oreo cupcakes ricetta originale

Oreo Cupcakes: ricetta originale e come realizzarli

Colorati, decorati, dolcissimi e disponibili in tutte le varianti che la fantasia può suggerire: i cupcakes, dolcetti monoporzione dal piacevole impatto estetico, sono il simbolo della nuova generazione americana (nonostante la loro origine si perda nell’ambito del diciannovesimo secolo) e sono arrivati, da qualche tempo, ad impazzare sulle tavole di noi europei.

Anche gli Oreo rappresentano un prodotto particolarmente trendy: si tratta, infatti, del brand che identifica il biscotto più venduto del XX secolo, sebbene sia arrivato da noi soltanto negli ultimi anni, con oltre 500 miliardi di vendite all’attivo ed una sagoma semplice e gustosa. Ogni Oreo è, infatti, composto da due biscotti circolari (quelli originali a base di cacao), con uno strato interno fatto di crema alla vaniglia o al cioccolato. Ideato a New York nel 1912, oggi conta moltissime varianti sia in forme che in gusti, accontentando i palati di tutto il mondo nelle maniere più fantasiose. Esempi sono i Mini Oreo, in dimensioni “bocconcino”, o gli Oreo Double (in America, Double Stuf Oreo) con doppia farcitura.

L’unione di questi due concetti di gusto può dare vita ad uno di quei dessert a cui ogni bambino ed ogni adulto non potrebbe mai di dire di no: gli Oreo Cupcakes.

Un vassoio colorato di questi piccoli dolcetti può fare la felicità degli invitati ad una festa, la gioia dei commensali ad una cena, lo sfondo perfetto, e a prova di like, per fotografie e snap da condividere sui social.

Ma come realizzarli?

Oreo Cupcakes: la ricetta originale americana e ingredienti

Prima di mettersi a lavoro è importante controllare che si abbiano a disposizione tutti gli ingredienti e gli strumenti giusti.

Considerando che ogni cupcake equivale ad un paio di morsi, l’ideale è di prepararne in quantità, per non lasciare nessuno a bocca asciutta visto che… uno tira l’altro!

Ingredienti per circa 12 pezzi:

  • biscotti Oreo – 12;
  • latte – 60 ml;
  • vanillina –  2 bustine;
  • cioccolato fondente – 100 g;
  • burro – 100 g;
  • zucchero – 180 g;
  • uova – 2;
  • farina 00 – 180 g;
  • lievito per dolci – 2 cucchiaini;
  • bicarbonato di sodio – 1 cucchiaino;
  • un pizzico di sale;
  • zucchero a velo – 60 g;
  • mascarpone – 250 g;
  • panna per dolci – 100 g;

Infine, sono necessari, oltre a uno sbattitore e ad un sac à poche con beccuccio a stella, 12 pirottini in ceramica o stampi di carta da forno. Si può giocare sulle fantasie e sui colori, per abbinarle ad eventuali decorazioni!

Procedimento per preparare gli Oreo Cupcakes

Cominciamo, ora, a districarci nella preparazione, preriscaldando, inizialmente, il forno a 180°.

Si scioglie, a bagnomaria, il cioccolato fondente insieme al burro, lasciando successivamente raffreddare il tutto.

Intanto, in una scodella, si mescolano le uova ed il latte, aggiungendo, poi, il composto appena ottenuto di burro e cioccolato. Si lavorano gli ingredienti con una frusta per unire, ancora, farina, lievito e bicarbonato. In questa fase è particolarmente importante lavorare sull’amalgama, affinché, alla fine, risulti ben fluido e cremoso. A questo punto avviene la cottura: una volta riempiti gli stampi con l’impasto, avendo l’accortezza di lasciarli vuoti per circa 1/3 del proprio volume, si inforna il tutto per una ventina di minuti. In seguito, mentre si lasciano raffreddare i dolcetti appena ottenuti, si comincia a lavorare al frosting “formaggioso”, miscelando insieme mascarpone e zucchero a velo e aggiungendo, al composto omogeneo finale, un “frullato di Oreo” super sminuzzato, praticamente una polvere; infine, si aggiunge la panna montata.

Chi ha poco tempo a disposizione, ovviamente, per praticità, può anche ricorrere ad un prodotto già pronto, purché di ottima qualità.

Si parte, ora, con la fase più divertente: la decorazione. Con la tasca da pasticciere con beccuccio a stella si farcisce ogni cupcake con questo freschissimo frosting, inserendo sulla cima mezzo Oreo, che rimanga bene in vista.

Gli Oreo Cupcake saranno, infine, pronti per essere serviti o ulteriormente decorati con corallini e confettini o picks spiritosi: c’è chi, nei mesi più caldi, preferisce prepararli con netto anticipo per poterli lasciare qualche ora in frigo, proponendoli come dessert fresco con cui deliziarsi per sconfiggere l’afa estiva. In tal caso, l’importante è ricordarsi di lasciare, preventivamente, i dolcini a temperatura ambiente, per circa un’oretta, prima di gustarli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *