Poke cake

Poke Cake: ricetta originale americana

Un dolce molto apprezzato nella tradizione culinaria americana è sicuramente la Poke Cake, conosciuta anche con il nome di Strawberry Poke Cake. All’apparenza potrebbe sembrare il classico dolce con farcitura, ma ciò che la rende veramente speciale è la tecnica che viene utilizzata per farcirla.

Poke Cake: origini e storia

Il nome Poke deriva appunto da questo particolare procedimento che prevede l’applicazione di buchi sulla superficie del composto, che a loro volta dovranno essere farciti. La nascita della Poke Cake risale al 1970 e ha goduto di grande fama, passando poi in secondo piano con l’avvento delle prelibatezze della Bakery americana.

E’ un dolce di semplice preparazione, caratterizzato dalla presenza dei buchi in superficie, che possono essere riempiti con salse al cioccolato, fragola, caramello, marmellata o altro ancora. A piacimento può essere anche decorata con una golosa glassa, una ganache oppure un frosting di panna che la rendono ancora più ricca e attraente.

La Poke Cake può essere utilizzata come dolce per diversi generi di occasioni, dalla festa di compleanno, a qualsiasi occasione importante, oppure anche come semplice dessert o merenda per i più piccoli.

La ricetta originale americana della Poke Cake: ingredienti e preparazione

Per la preparazione della Poke Cake sono necessari i seguenti ingredienti:

  • 80 gr di farina di tipo 00;
  • 130 gr di zucchero semolato;
  • 180 gr di cioccolato extra fondente;
  • 6 uova;
  • 100 gr di burro;
  • 1 cucchiaio di lievito per dolci;
  • 1 pizzico di sale.

Per la realizzazione della ganache sono invece necessari 200 gr di cioccolato extra fondente al 75% e 180 ml di panna fresca, mentre per la copertura dovrete avere a disposizione 250 ml di panna, delle gocce di cioccolato, 40 gr di noci pecan e del dulce de leche.

Prendete una ciotola e fate sciogliere il cioccolato utilizzando la tecnica a bagnomaria, una volta conclusa l’operazione intiepiditelo. In un’altra ciotola mettete il burro ammorbidito e lo zucchero, andando a sbattere il tutto utilizzando delle fruste elettriche o una planetaria, fino all’ottenimento di un composto spumoso.

Ora unite uno per volta i tuorli, avendo cura di continuare ad amalgamare il composto, aggiungete il cioccolato tiepido, seguito dalla farina e dal lievito opportunamente setacciato, mescolando il tutto con una spatola da dolci.

In un’altra ciotola montate a neve gli albumi aggiungendovi il sale. Terminata questa operazione, andate ad amalgamarlo a quanto realizzato in precedenza compiendo dei movimenti dal basso verso l’alto al fine di non smontare il composto.

Versate l’intero composto all’interno di una tortiera, meglio ancora se a cerniera, con un diametro di circa 24 cm che deve essere opportunamente imburrato e infarinato. Cuocete il tutto nel forno, già portato a temperatura di 180 gradi, per una tempistica di circa 40 minuti, avendo cura di controllare – con uno stecchino – il grado di consistenza del composto al fine di determinare il giusto grado di cottura.

Una volta che sfornate il dolce lasciatelo raffreddare completamente e, utilizzando la parte terminale del manico di un cucchiaio di legno, incominciate a praticare dei fori su tutta la superficie della torta, avendo cura di non esagerare nell’affondare troppo.

Ora dovete preparare la ganache: incominciate a tritare il cioccolato fondente, mentre in una piccola casseruola riponete la panna e portatela a bollore. Versatela ora sul cioccolato preparato in precedenza, aspettate un minuto circa e mescolate utilizzando una frusta fino a ottenere un composto che risulti omogeneo e lucido.

Il composto appena preparato andrà versato nei fori della torta e, una volta completata tale procedura, riponete la torta in frigo per circa un’ora, in modo tale da dare tempo ai cioccolatini posti nei buchi di solidificarsi.

Una volta tolta dal frigo, riponete la torta su un vassoio e ricoprite la parte superiore della stessa con uno strato abbondante di panna montata. Passate ora alla decorazione finale, mettendo sulla superficie della panna le gocce di cioccolato, il dulce de leche e le noci pecan che dovete tritare grossolanamente.

La torta può essere conservata nel frigorifero fino al momento di servirla in tavola, in linea generale il periodo di conservazione massimo è di circa due giorni da quando è stata preparata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *